Notizie sugli artisti Mustafa Kırantepe, che è appena entrato nella serie Ateş Kuşları, è felice di fare un buon lavoro!

Mustafa Kırantepe, che è appena entrato nella serie Ateş Kuşları, è felice di fare un buon lavoro!

admin

Mustafa Kırantepe, che ha partecipato alla serie Ateş Kuşları, prodotta da Bozdağ Film e prodotta da Mehmet Bozdağ sugli schermi ATV il venerdì sera con la sua storia impressionante e un cast forte, con il personaggio dell’agente immobiliare Seyfi nel 38esimo episodio, ha rilasciato dichiarazioni sincere sulla serie e sul suo personaggio.

Mustafa Kırantepe, che interpreta Seyfi, l’agente immobiliare del quartiere nella serie, ha rilasciato la seguente dichiarazione sul suo personaggio: “Seyfi è un personaggio che incontreremo sicuramente in ogni casa, in ogni quartiere, in ogni villaggio. Per lui ogni strada è lecita per raggiungere l’obiettivo. È una persona di sistema completo. La vita per lui; Il minimo lavoro è il massimo profitto. D’altra parte, è abbastanza incompetente da rovinare tutto. Se il piano che ha in mente non serve più ai suoi interessi, può passare immediatamente dalla parte opposta. Può coprire 180 gradi in brevissimo tempo. È inquietante ma divertente.

Affermando che c’è del bene e del male in ogni persona, Kırantepe ha spiegato i suoi sentimenti con le seguenti parole: “Una persona nasce, i primi semi del suo carattere vengono deposti dal suo nucleo familiare fino al momento in cui inizia la scuola, e dal momento in cui la scuola inizia, si forma un nuovo ambiente sociale esterno alla famiglia; insegnanti, compagni di classe… Finisce la scuola e inizia la vita lavorativa. Ora c’è un nuovo ambiente sociale e nuovi dettagli aggiunti al suo personaggio. Ciò che rende Seyfi Seyfi sono i suoi punti in comune e i contrasti con la società in cui vive, piuttosto che la psicologia del suo personaggio. Ogni frutto ha la possibilità di marcire. Alcuni di loro hanno appena iniziato a marcire, il marciume si vede, altri sono immangiabili. C’è tanto bene e tanto male in Seyfi quanto ce n’è in ogni altro essere umano. Quindi quello che intendo è; C’è un piccolo Seyfi in ognuno di noi. Ma non può più essere nascosto. Lo conosco molto bene. E l’ho decifrato…”

Affermando di essere felice di fare un buon lavoro, Kırantepe ha spiegato la sua soddisfazione di essere nella serie Ateş Kuşları con le seguenti parole: “Una società non ha bisogno di legami di sangue per essere unita. In realtà, non abbiamo nemmeno bisogno di pensare allo stesso modo su ogni questione. Gli Ateş Kuşları hanno tutti temperamenti diversi. Ma famiglia. Posso dire che lo slogan “Non un legame di sangue, ma un legame di vita” è stato quello che mi ha coinvolto mentalmente. Con questo progetto cerchiamo di ricordarci le cose che abbiamo dimenticato. La cultura del vicinato, le amicizie, le amicizie, l’amore disinteressato, l’essere una brava persona, senza pregiudizi… Ecco perché mi rende felice sentire di avere un buon lavoro.”

Affermando che ciò che accade dietro la telecamera si riflette davanti allo schermo, Kırantepe ha affermato che gli Ateş Kuşları sono in realtà una grande famiglia: “È molto bello riunirsi con i miei amici con cui ho lavorato prima, sia dietro la telecamera che in davanti alla fotocamera. Abbiamo iniziato a stabilire un legame comune con i miei amici con cui ho iniziato a lavorare per la prima volta. È un nuovo incontro ma l’emozione è tanta. Quindi fondamentalmente la squadra dell’Ateş Kuşları è una grande famiglia. Come pubblico, vedi l’amore dietro la telecamera riflesso davanti alla telecamera”.

Affermando di non aver mai ignorato i bambini di strada fino ad ora, Kırantepe ha detto: “La cosa più normale per una persona è respirare. Se possiamo respirare c’è ancora speranza. Non ignoro nemmeno i bambini di strada nella vita quotidiana. Sono bucaneve. Nessun bambino merita la strada. Un giorno ogni bambino avrà una casa. Ci sarà un focolare acceso. “Un giorno sorrideranno tutti”, ha aggiunto.