Notizie sugli artisti Per Yiğit Özşener, la serie TV Şahane Hayatım significa trovare un’oasi nel deserto!

Per Yiğit Özşener, la serie TV Şahane Hayatım significa trovare un’oasi nel deserto!

admin

Ora c’è una nuova serie su Fox TV che probabilmente attirerà un vasto pubblico il mercoledì sera. Il primo episodio del nuovo progetto di serie TV chiamato Şahane Hayatım (My Wonderful Life) ha avuto molto successo.

Era molto importante che gli ascolti della serie, che ha ricevuto commenti positivi dal pubblico sui social media, fossero superiori alla media. La serie TV Şahane Hayatım, che ha avuto un buon inizio, si distingue per il suo cast forte e una storia diversa.

Sono stati fatti grandi sforzi per la serie con Hilal Altınbilek, Onur Tuna, Yiğit Özşener, Serkan Keskin, Nesrin Cavadzade, Sumru Yavrucuk, Gökçe Eyüboğlu. Anche riunire un cast del genere non è un compito facile.

Anche Yiğit Özşener era molto adatto per il personaggio di nome Onur, che proviene da una famiglia aristocratica della serie. Il grande attore ha iniziato di nuovo a mostrare il suo talento nel creare personaggi sullo schermo.

Yiğit Özşener, affermando di non leggere una sceneggiatura così buona da molto tempo, ha detto quanto segue sulla storia:

“A dire il vero, è da molto tempo che quando ricevo una sceneggiatura guardo innanzitutto i personaggi femminili. Perché questa è la questione che mi ha dato più fastidio negli ultimi anni. Negli ultimi anni sono stati implementati molti scenari che servono a privare le donne della loro identità, a vederle come proprietà dei loro padri, mariti e amanti e a percepirle come oggetti di consumo.

Questo posizionamento dei personaggi femminili influisce anche sulla scrittura dei personaggi maschili. Credo che non sia giusto vedere il nostro lavoro solo come mezzo di intrattenimento, soprattutto in un Paese dove le serie televisive hanno un impatto così forte sul pubblico.

C’è già una clausola nei miei contratti che dice che non prenderò parte a scene che coinvolgano violenza psicologica e fisica contro le donne. Quando ho letto la sceneggiatura di Şahane Hayatım, mi sono sentito sollevato dal fatto che si trattasse di una storia in cui non avrei avuto tali preoccupazioni. In un certo senso, mi è sembrato di trovare un’oasi nel deserto”.

Sottolineando che il personaggio di Onur da lui interpretato proviene da una famiglia aristocratica, il famoso attore si è presentato davanti al pubblico raccontando la storia di un uomo ricco.

Le valutazioni di Yiğit Özşener sul personaggio sono le seguenti:

“ Onur viene da una famiglia aristocratica. Possiamo considerarla la terza generazione di una delle famiglie più ricche e affermate della Turchia. Un imprenditore colto, colto e visionario. C’era un amore infantile; La figlia di una famiglia uguale alla sua. Mentre tutti, soprattutto sua madre, aspettavano che lui sposasse questa futura sposa ideale… Sorpresa! Ha sposato una ragazza di nome Şebnem. Amore a prima vista? Un grande inganno? È un gioco del destino? Lo vedremo. Non voglio dare troppi indizi, ma questo personaggio ha una svolta. Sai come dicono che l’amore è fatica? Forse no. Forse il lavoro è amore. Perché nessuno ti tradirà solo perché hai fatto qualcosa di carino per lui. Chi ti ama farà qualcosa di buono per te. “Penso che questa sarà la prova di Onur nella vita.”

Yiğit Özşener, affermando che lo sceneggiatore Meriç Acemi ha fatto un ottimo lavoro nel posizionare i personaggi, ha detto che anche la differenza dei personaggi ha avuto un impatto sulla sua accettazione del progetto.

Il famoso attore ha fornito le seguenti informazioni su questo argomento:

“Meriç non codifica i suoi personaggi come angeli e diavoli, ma si aggrappa al fatto che ognuno di loro è umano. Non calpesta un personaggio per farne crescere un altro, non protegge nessun personaggio, lo lascia andare con il flusso della vita… Lascia che respirino, esistano con i loro difetti, commettano errori e ne paghino il prezzo. Sono cose che richiedono coraggio agli sceneggiatori che scrivono per la televisione; Perché la maggior parte delle volte sono costretti ad agire con il pregiudizio di cosa piace e cosa non piace ai telespettatori. Naturalmente, è anche molto importante che uno scrittore così coraggioso incontri registi che non temono le contraddizioni. Anche se stiamo lavorando per la prima volta, sento che Çağrı ed Ezgi hanno migliorato lo scenario. “Sarà il lavoro di una squadra che non dice ‘Facciamo un lavoro già fatto tante volte, rifacciamolo’, e questa forse è la differenza più evidente”.