Notizie della serie L'umore di Ceylin nella serie Yargı è ora diventato la realtà di Pınar Deniz!

L'umore di Ceylin nella serie Yargı è ora diventato la realtà di Pınar Deniz!

admin

La serie Yargı (Giudizio), che ha incontrato il pubblico su Kanal D la domenica sera, non è sullo schermo. Dopo due gravi terremoti a Kahramanmaraş il 6 febbraio, le riprese della serie TV sono state interrotte e i canali televisivi hanno continuato le loro trasmissioni con notizie sul terremoto.

Con l'inizio delle normali trasmissioni di Kanal D l'altro giorno, quando presenterà la serie è un argomento di cui molti spettatori sono curiosi. Pınar Deniz, che si è esibito con successo per due stagioni nella serie Yargı, che finora conta 53 episodi, è diventato uno dei nomi famosi che hanno contribuito alle attività di soccorso dopo il terremoto.

L'umore dell'attrice, che condivide molti post sui social, cerca di essere la voce dei terremotati e attira l'attenzione con le sue varie opinioni, è misto.

Coloro che vedono il volto di Pınar Deniz, che esprime lo stato che ha vissuto riguardo al disastro del terremoto dicendo "Non è una sensazione indescrivibile", possono anche notare che l'umore di Ceylin nella serie TV Yargı crolla su di loro.

Nel 53esimo episodio della serie Yargı, Ceylin aveva uno stato d'animo devastato, che ha detto: "Una persona non vede nulla quando ha la propria vita", mentre metteva in dubbio l'impegno del procuratore Ilgaz per la giustizia.

In effetti, coloro che oggi hanno subito un terremoto comprendono molto bene il fatto che tutto è diverso quando la persona che il personaggio di Ceylin rivela nella serie è la sua stessa vita.

Pınar Deniz ha detto che anche se non ha perso nessuno dei suoi parenti in questo disastro, i suoi amici hanno provato un dolore così profondo.

Mentre trasmetteva i suoi sentimenti per il disastro del terremoto, la famosa attrice ha detto: “Non ho perso nessuno. Ma i miei amici e la mia famiglia hanno davvero perso la loro infanzia, i ricordi, tutte le loro madri e padri. Ecco perché siamo così infelici. Penso che ci alzeremo tutti insieme".